1 aprile 2010 - Settimana Ciclistica Lombarda

Prima tappa della 40. Settimana Ciclistica Lombarda by Bergamasca, da Calcinato-Calcinato; si parte sotto la pioggia. Al km 16 inizia la fuga che vede protagonisti il polacco Bartosz Huzarski (Isd Neri) e lo svedese Michael Stevenson (Sparebanken Vest Ridley). Dopo circa tre chilometri si aggiunge ai battistrada anche il ligure Manuele Caddeo (Zheroquadro Radenska). Col passare dei minuti e dei chilometri si incrementa il vantaggio dei battistrada così come ad aumentare è l'intensità della pioggia che col freddo mette a dura prova i corridori tanto da portare gli organizzatori a prendere la saggia decisione di accorciare la tappa di un giro. Quindi dai 156,8 km previsti si passa ai 135,7 km. Il vantaggio massimo dei tre fuggivi è di 6'21" raggiunto all'altezza del km. 72 di gara. Poi la decisione di accorciare la tappa ed allora nel gruppo le squadre dei velocisti si organizzano. Il vantaggio dei battistrada si riduce: al km 92 è di 4'53" e quando al termine manca un solo giro è di 2'35". L'azione del gruppo si fa sempre più incalzante, ai meno 4 km dal traguardo il plotone dei migliori ha accorciato il divario a 1'28". Ai meno due km a 54", sembra quasi che possa avvenire il ricongiungimento, ma i tre battistrada resistono ed il polacco Huzarski, autore di una simile e recente impresa nella tappa conclusiva della Settimana Coppi&Bartali con arrivo a Sassuolo, precede i compagni di avventura Stevenson e Caddeo (Zheroquadro) nell'ordine. A 30" vince la volata del gruppo Roberto Ferrari (De Rosa Stac Plastic). Nella pancia del plotone c'è anche il marchigiano Michele Scarponi, vincitore ieri del cronoprologo in salita al Colle Gallo, che conserva quindi la leadership della corsa.
©2002-2019 Museo del Ciclismo Associazione Culturale ONLUS - C.F.94259220484 - info@museociclismo.it - Tutti i diritti riservati

I dati inseriti in archivio sono il risultato di una ricerca bibliografica e storiografica di Paolo Mannini (curatore dell'Archivio). Le fonti utilizzate sono svariate (giornali, libri, enciclopedie, siti internet, archivi digitali e frequentazioni sui vari Forum inerenti il ciclismo). Chiunque desideri contribuire alla raccolta dei dati, aggiunta di materiale da pubblicare o alla correzione di errori può farlo mettendosi in contatto con Paolo Mannini o con la Redazione.