1 aprile 2002 - Giro delle Marche

Lunedì dell'Angelo, quarta tappa del 5° Giro Ciclistico delle Marche, km. 145, un circuito di km 14,5 da ripetere 10 volte. Partenza alle ore 13,01, 154 partenti.
Appena si abbassa la bandierina Cappè accende la miccia della contesa e per due giri è un continuo attacco e contrattacco, solo Masiero riesce a guadagnare, all'inizio della salita per il secondo passaggio, 25". In avvicinamento al primo Gpm posto a Cartoceto, su Masiero si portano Maccanti e Strgar; al passaggio in vetta nell'ordine Maccanti, Strgar e Masiero. In breve il gruppo torna compatto. Pochi gli spunti di cronaca nonostante l'alta velocità, prima ora 41,300 kmh. Intanto in quattro all'attacco dal 30° km.: Cappè, Pavone, De Nobile e Segat; all'intergiro (km 58) è primo Pavone su De Nobile e Cappè. I quattro proseguono nella loro azione e reggono ai tentativi di riaggancio. Al 70 km il gruppo torna compatto e al Gpm di Cartoceto passano nell'ordine Maccanti, Karpatchev e Sipocz. Al km. 75 esce tutto solo Veronesi che è testa di ponte per una nuova azione di Fedorov e Sipocz. I tre battistrada al 6° passaggio a Saltara hanno 40" sul gruppo; anche De Conto e Bartoletti in coppia si portano sui tre, si forma un quintetto. Alla conclusione dell'8° giro, quando mancano 29 km. all'arrivo, Veronesi cede di schianto; De Conto e Bertoletti vanno all'attacco del Gpm e passano nell'ordine, a fine discesa hanno 40" sul gruppo; si ricomincia a salire per Saltara e i due conservano 20" sulla testa e sono il punto di appoggio per Martella che parte, agguanta i due a cento metri dall'inizio dell'ultimo giro e a doppia velocità li supera, tutto solo va allo scollinamento. Bartoli si assume in prima persona la responsabilità dell'inseguimento e chiude su Martella. Gruppo compatto. Per dodici km. è tutto uno scatto, ma il gruppo resta compatto. A meno 2 km., all'inizio della salita finale, si alternano a condurre Casagrande, Solari, Fanelli, Bartoli, si lotta gomito a gomito. Siamo all'ultimo km. e Aldape tenta l'azione solitaria, ma non riesce a fare il vuoto, allunga solo la fila. E' volata, a 100 metri cadono in due, ed il foto finish dice: Luhovyy, Fanelli, Solari, Marinangeli, Bartoli e Maghella. Claudio Bartoli della S.C. Impruneta conserva a Saltara, le insegne del primato.
©2002-2019 Museo del Ciclismo Associazione Culturale ONLUS - C.F.94259220484 - info@museociclismo.it - Tutti i diritti riservati

I dati inseriti in archivio sono il risultato di una ricerca bibliografica e storiografica di Paolo Mannini (curatore dell'Archivio). Le fonti utilizzate sono svariate (giornali, libri, enciclopedie, siti internet, archivi digitali e frequentazioni sui vari Forum inerenti il ciclismo). Chiunque desideri contribuire alla raccolta dei dati, aggiunta di materiale da pubblicare o alla correzione di errori può farlo mettendosi in contatto con Paolo Mannini o con la Redazione.