Coppa Agostoni

Organizzata a Lissone in onore di Ugo Agostoni, buon corridore degli anni '10, deceduto a 48 anni in seguito ad un'operazione chirurgica. Prima edizione disputata nel 1946 con vittoria di Luigi Casola. Fino alla fine degli anni '50 era una gara di secondo piano, spesso "promiscua" o addirittura riservata ai soli dilettanti. Dal 1960 acquisì via via maggior prestigio, soprattutto grazie alla sua collocazione temporale che la poneva come succoso antipasto del Giro di Lombardia di cui spesso ripercorreva parte del tracciato (con il Ghisallo). Dal 1972 disputata ad agosto su un tracciato essenzialmente brianzolo che ha trovato nel Colle Brianza e nel Lissolo gli strappi spesso decisivi. Per parecchi anni è stata una delle pre-mondiali di spicco, insieme alle altre due corse del cosiddetto Trittico Lombardo: Tre Valli Varesine e Coppa Bernocchi. Più volte sul suo traguardo si sono succeduti arrivi solitari o di pochi corridori, con protagonisti di altissimo livello (Gimondi, De Vlaeminck, Saronni e Moser). Ha avuto il privilegio di assegnare la maglia tricolore in prova unica in un'occasione: nel 1987 quando si impose Leali che raggiunge dei fuggitivi e sul Lissolo piazza l'inatteso ma strepitoso attacco vincente e trionfa dopo 25 km di fuga solitaria. Altra impresa quella di Giovanni Battaglin che nel 1979, dopo che De Vlaeminck era stato ripreso sul Ghisallo, scatta con decisione sul Colle Brianza, 48 km di assolo, e vittoria con 3' di vantaggio.
©2002-2019 Museo del Ciclismo Associazione Culturale ONLUS - C.F.94259220484 - info@museociclismo.it - Tutti i diritti riservati

I dati inseriti in archivio sono il risultato di una ricerca bibliografica e storiografica di Paolo Mannini (curatore dell'Archivio). Le fonti utilizzate sono svariate (giornali, libri, enciclopedie, siti internet, archivi digitali e frequentazioni sui vari Forum inerenti il ciclismo). Chiunque desideri contribuire alla raccolta dei dati, aggiunta di materiale da pubblicare o alla correzione di errori può farlo mettendosi in contatto con Paolo Mannini o con la Redazione.