20 marzo 2001 - Tirreno-Adriatico

In mattinata è arrivata dal Team Fassa Bortolo la conferma ufficiale del ritiro di Serguei Ivanov, caduto nella giornata di ieri. Al via dunque è il compagno di squadra Roberto Petito ad indossare la maglia di leader. Quella di oggi è la tappa più lunga, caratterizzata da due muri, uno situato a circa metà percorso ed il secondo situato in prossimità dell'arrivo di Ortezzano. Sul primo muro è Paolo Bettini che fa il forcing e la selezione; anche Petito rimane attardato ma ben presto recupera. In seguito il gruppo rinviene e negli ultimi chilometri, si portavano davanti lo spagnolo David Plaza (Festina), Filippo Simeoni, Celestino, al servizio di Savoldelli, e Danilo Di Luca che lavora per la terza piazza di Gabriele Colombo. A 9 km dall'arrivo, scatto in salita di Mirko Celestino, gli risponde Di Luca che annulla il vantaggio assieme al ventiquattrenne neo professionista Franco Pellizzotti, sempre davanti nelle salite più dure.
Negli ultimi chilometri, in vista del muro finale, si notano in prima fila tutti gli uomini di classifica.
Scatto di Pellizzotti e Donati ai meno 7 km, ma la loro azione, con la Rabobank a tirare, è destinata ad esaurirsi in breve tempo. Quando vengono ripresi inizia la classica altalena di scatti e controscatti, prima Ruslan Ivanov, poi Lunghi e Barbero. A 4 km dall'arrivo, la strada scende sino allo strappo finale dei 300 metri di altitudine di Ortezzano. A due km è sempre Ivanov con Lunghi e Barbero a tenere duro con 200 metri di vantaggio sul gruppo sempre tirato dalla Rabobank che sta rinvenendo.
Ultimo chilometro: Rebellin è a ruota di Boogerd in terza posizione quando iniziano gli ultimi 400 mt al 16% del muro di Ortezzano. Viene ripreso Denis Lunghi, davanti al gruppo si fa sotto Luttemberger che parte, risponde Rebellin che conduce davanti a Boogerd, Savoldelli e Di Luca. La selezione è spietata, dal gruppo recuperano solo Gabriele Colombo e Francesco Casagrande. Quest'ultimo con una fenomenale progressione, supera una decina di corridori e si porta alle spalle dei primi. Ma davanti è Boogerd della Rabobank che taglia il traguardo davanti a Rebellin, Casagrande, di Luca, Savoldelli e Colombo. Petito arriva con 12 secondi di ritardo, perdendo la maglia di leader; quella verde rimane sulle spalle di Danilo Di luca che la porterà domani in passarella sul lungomare di San Benedetto dal Tronto.
A conti fatti, fra abbuoni e secondi di vantaggio, la giuria assegna a Davide Rebellin la nuova maglia giallo rossa di leader. In seconda posizione Colombo a 2" e poi Boogerd a 3".
©2002-2019 Museo del Ciclismo Associazione Culturale ONLUS - C.F.94259220484 - info@museociclismo.it - Tutti i diritti riservati

I dati inseriti in archivio sono il risultato di una ricerca bibliografica e storiografica di Paolo Mannini (curatore dell'Archivio). Le fonti utilizzate sono svariate (giornali, libri, enciclopedie, siti internet, archivi digitali e frequentazioni sui vari Forum inerenti il ciclismo). Chiunque desideri contribuire alla raccolta dei dati, aggiunta di materiale da pubblicare o alla correzione di errori può farlo mettendosi in contatto con Paolo Mannini o con la Redazione.