Adrien Alpini

Nato a Cannes (Francia) il 9 dicembre 1889, deceduto a Nizza (Francia) il 19 dicembre 1950. Fondista. Professionista dal 1909 al 1927 con una vittoria.
Figlio di italiani, il più anziano di cinque fratelli tutti ciclisti, ma solo lui capace di diventare professionista. Come tutti i corridori gravitanti sulla Costa Azzurra (in particolare italiani o ex italiani), anche Adrien distribuì la passione verso il ciclismo, nonché la professione poi, sulle corse e le classiche manifestazioni ciclistiche del sud-est francese. Nel 1909 si pose all'attenzione generale per due importanti secondi posti, nella Marsiglia-Nizza e nella Corsa de La Turbie. L'anno seguente fu 2° nella Nizza-Annot-Nizza, 3° nella Marsiglia-Nizza e 4° nella Nizza-St.Sauveur-Nizza. Quest'ultima gara fu sua nel 1911, anno nel quale finì 5° nel Grand Circuit du Sud-Est. Dopo un modesto 1912 dove colse solo un 9° posto nel Grand Circuit du Sud-Est, tornò sui vertici nel 1913 quando finì 2° nella Nizza-St.Sauveur-Nizza. Nel 1914 strinse un accordo con l'Unione Sportiva Torinese e con questo sodalizio partecipò a diverse gare a cominciare dalla Genova-Nizza che lo vide 3° al traguardo. Poi riuscì a coronare il sogni di partecipare al Tour de France. Fu pure bravo perché si salvò bellamente alla come sempre vistosa selezione della Grande Boucle: chiuse 39° a Parigi. Lo scoppio della Prima Guerra Mondiale lo vide valente soldato. Tornò all'attività nel 1920, dove fu 2° nel Giro di Corsica, ma si ritirò al Tour de France nel corso della quarta tappa. La Grande Boucle però era diventato il suo pallino, perlomeno era la corsa sulla quale basava tutto l'anno con la speranza di finirla in posizione migliore rispetto al '14 e, magari, nei primi venti. Nel 1921 riuscì negli intenti: concluse il Tour al 37° posto, due posizioni in meno del 1914. Ma non gli bastava: voleva giungere nei primi venti a Parigi. E così, dal 1922 fino al 1927 compreso ci provò, ma si ritirò sempre: l'età e gli acciacchi rimediati in Guerra erano troppo.
Articolo inviato da: Maurizio Ricci (Morris) ()
©2002-2019 Museo del Ciclismo Associazione Culturale ONLUS - C.F.94259220484 - info@museociclismo.it - Tutti i diritti riservati

I dati inseriti in archivio sono il risultato di una ricerca bibliografica e storiografica di Paolo Mannini (curatore dell'Archivio). Le fonti utilizzate sono svariate (giornali, libri, enciclopedie, siti internet, archivi digitali e frequentazioni sui vari Forum inerenti il ciclismo). Chiunque desideri contribuire alla raccolta dei dati, aggiunta di materiale da pubblicare o alla correzione di errori può farlo mettendosi in contatto con Paolo Mannini o con la Redazione.