Storia di Antonio Castello

Gareggia dal 1960, preso dalla passione per le Olimpiadi romane e l'anno dopo è secondo al campionato italiano esordienti sulla pista olimpica. Vince il titolo nel '62 e nel '63, ancora a Roma è campione italiano allievi. Nel '64 a Milano è invece secondo al campionato italiano, quindi passa dilettante. Nel '66 vince con Chemello la Sei Giorni di Roma e viene selezionato per i Mondiali in Germania. Qui con lo stesso Chemello, Pancino e Roncaglia vince la medaglia d'oro dell'inseguimento a squadre, battendo nell'ordine Germania e Urss in 4'30''51, quindi è secondo alla Preolimpica di Città del Messico sia nella velocità che nell'inseguimento con la stessa squadra. Nel 1967 vince la Sei Giorni di Milano con Borghetti poi è secondo ai campionati del mondo ad Amsterdam sempre di inseguimento a squadre, poi un incidente lo blocca e gli impedisce di partecipare alle Olimpiadi del '68. Prende ancora parte ai Mondiali del '69 a Brno nell'inseguimento a squadre ed ancora una volta conquista la medaglia d'argento.
©2002-2021 Museo del Ciclismo Associazione Culturale ONLUS - C.F.94259220484 - info@museociclismo.it - Tutti i diritti riservati

I dati inseriti in archivio sono il risultato di una ricerca bibliografica e storiografica di Paolo Mannini (curatore dell'Archivio). Le fonti utilizzate sono svariate (giornali, libri, enciclopedie, siti internet, archivi digitali e frequentazioni sui vari Forum inerenti il ciclismo). Chiunque desideri contribuire alla raccolta dei dati, aggiunta di materiale da pubblicare o alla correzione di errori può farlo mettendosi in contatto con Paolo Mannini o con la Redazione.