Gent-Wevelgem

Corsa Linea (Cod. 2820)

BEL Bandiera BEL

 

Informazioni sulla corsa

Gent-Wevelgem
Tipo di corsa: Linea
Di questa corsa esistono in archivio 80 edizioni (1934 - 2018)
Mostra tutte le edizioni

La seconda più importante corsa fiamminga della stagione è la Gand-Wevelgem, classica per passisti velocisti inserita dal 1934 tra il Giro delle Fiandre e la Parigi-Roubaix.
Si parte da Gand, passando per Bruges e attraversando le monotone e piattissime distese che conducono al Mare di Ostenda; poi si rientra verso l'interno e prima di giungere a Wevelgem, c'è il Mont Kemmel, l'unica insidia per i velocisti belgi che da sempre hanno dominato questa corsa.
Il Monte Kemmel è una delle poche asperità che si trovano lungo il tracciato, misura meno di 160 metri di altezza ma lo strappo lastricato di pavé è capace di fare selezione per via della pendenza che in alcuni punti sfiora il 18%. Poi però ci sono ancora una trentina di chilometri dal traguardo e spesso il gruppo si ricompatta.
Dalla nascita (vittoria di Gustave Van Belle) e fino al 1977 la corsa è stata vinta sempre dai belgi con l'eccezione dello svizzero Rolf Graf, primo nel 1954, del francese Jacques Anquetil, primo nel 1964, e dell'inglese Barry Hoban, primo nel 1974. Ma dal 1977 in avanti, con la vittoria di Bernard Hinault, la corsa è divenuta feudo anche degli stranieri e degli italiani in particolare.
Due sono i record che appartengono all'Italia; Guido Bontempi è stato il primo non belga capace di vincere la corsa per due volte, e Mario Cipollini invece è l'unico straniero che è riuscito ad imporsi in due edizioni consecutive per poi fare il tris nel 2002.

 
Pictures

Immagini

Non abbiamo immagini di questa corsa. Puoi spedircele a info@museociclismo.it