15 luglio 2011 - Memorial Denis Zanette e Daniele Del Ben

Prima edizione del Memorial Denis Zanette e Daniele Del Ben, criterium per dilettanti, organizzato dal team Orogildo che scattarè Venerdì 15 luglio alle 20.40 da via Santissima Trinità a Brugnera.
Sono un centinaio gli iscritti, in rappresentanza di dodici società del Triveneto, Lombardia e Toscana. I corridori percorreranno 37 giri di un breve circuito cittadino per un totale di 103 chilometri. Il direttore di corsa è Gianni Biz, il vice è Giulio De Nardi. La giuria è composta da Gianfranco Toffoli, Renzo Viera, Loris Savorgnano e Aurora Peruch.
La storia che viene ricordata è quella del contributo al ciclismo degli indimenticati Denis Zanette e Daniele Del Ben, accomunati da una serie di curiose coincidenze nella buona e nella cattiva sorte. Entrambi nacquero a Sacile (rispettivamente nel 1970 e nel 1962), si sono laureati campioni italiani dilettanti e sono deceduti prematuramente per problemi cardiaci (nel 2003 e nel 1995). Alla partenza le autorità comunali consegneranno un riconoscimento alla sorella di Denis e al padre di Daniele, il quale fu compagno di squadra nel Fontanafredda di Ermenegildo Turchet, il patron del Memorial. Per sostenere le attività locali, inoltre, il Comune di Brugnera ha promosso l'esposizione di 35 bancarelle riservate alle associazioni e ai commercianti del territorio per rendere ancora più interessante la serata. Il Memorial Denis Zanette e Daniele Del Ben si disputerà con qualsiasi condizione meteorologica.
©2002-2019 Museo del Ciclismo Associazione Culturale ONLUS - C.F.94259220484 - info@museociclismo.it - Tutti i diritti riservati

I dati inseriti in archivio sono il risultato di una ricerca bibliografica e storiografica di Paolo Mannini (curatore dell'Archivio). Le fonti utilizzate sono svariate (giornali, libri, enciclopedie, siti internet, archivi digitali e frequentazioni sui vari Forum inerenti il ciclismo). Chiunque desideri contribuire alla raccolta dei dati, aggiunta di materiale da pubblicare o alla correzione di errori può farlo mettendosi in contatto con Paolo Mannini o con la Redazione.