1 maggio 2007 - La Ciociarissima

Il 1 maggio 2007 a Sora si terrà la XX edizione de "La Ciociarissima", la classica corsa ciclistica della primavera ciociara riservata alle categorie Elite e Under 23, organizzata dall' Associazione Sportiva Ciclisti Sorani.  Anche questa edizione verrà patrocinata dal Comune di Sora con la partecipazione della Regione Lazio, dell'Amministrazione Provinciale di Frosinone, della XV Comunità Montana, dei comuni di Isola del Liri, Castelliri, Posta Fibreno, Alvito, Broccostella e Vicalvi.
Questa corsa nasce quasi per gioco nel lontano 1988, grazie a un gruppo di amici accomunati dalla passione per la bicicletta, e oggi è diventata una splendida realtà del ciclismo nazionale. La macchina organizzativa dell'A. S. Ciclisti Sorani si avvia alle fasi finali.  Questo importante evento sportivo è per il terzo anno consecutivo gara nazionale: 19 le squadre iscritte rappresentate da più di 180 atleti tra i quali ben 24 stranieri. La partenza è fissata per le ore 14, all'inizio di Corso Volsci a Sora. Il circuito è quello che ha reso famosa la Ciociarissima. Nella prima parte la competizione interesserà la Valle di Comino. Infatti,  dopo aver superato Broccostella, gli atleti attraverseranno la Riserva Naturale di Posta Fibreno costeggiando le acque dell'omonimo lago. Quindi il gruppo si porterà verso Vicalvi, dominato dall'alto dal bellissimo Castello medievale, e successivamente ad Alvito, dove, una volta superato il borgo cittadino, il plotone farà ritorno verso Sora transitando nuovamente lungo la strada che costeggia il lago e dirigendosi verso la frazione di Carnello: inizia la seconda parte della gara in cui più volte saranno interessati i Comuni di Isola del Liri, Castelliri e Sora. E anche qui le cascate di Isola del Liri, il Muraglione di epoca napoleonica di Castelliri, vero e proprio "belvedere" sulla Ciociarissima, il borgo San Rocco di Sora, faranno da cornice allo spettacolo agonistico che nel frattempo si sarà acceso. Spettacolo agonistico che avrà il suo epilogo sulla salita finale, il cosiddetto "picco della Portella", dove ogni anno si decide la gara, preceduta però dalla novità delle ultime due edizioni, la salita di via Caprareccia (la salita di San Sebastiano) altrettanto impegnativa e selettiva della "Portella". Gli atleti l'affronteranno al penultimo giro: in un paesaggio collinare di tutto prestigio, ancora una volta la natura la farà da padrona con gli ulivi della salita della Caprareccia e i castagni della Portella testimoni delle fasi finali di questa ventesima Ciociarissima.
Dall'elenco degli iscritti annotiamo la presenza di 8 corridori ciociari: col numero 32 partirà Francesco De Bonis di Isola del Liri, casacca della Monturano Civitanova Cascinare per lui: in questa stagione una vittoria al suo attivo. Con i pettorali 51 e 52 abbiamo i due atleti di Monte San Giovanni Campano, Alessandro Ferazzoli e Michele Fratarcangeli: entrambi gareggiano per la Termoimpiani di Piombino.Col numero 138 partirà Marco Belli, di Sant'Elia Fiume Rapido, portacolori della Concrete San Marco di Caneva (Friuli). Con lui il compagno di squadra Roberto Greco, di Sora. Pettorale numero 156 per l'atleta di Fiuggi Roberto Pirazzi.
Andando invece a dare uno sguardo complessivo all'elenco partenti, tra i possibili candidati alla vittoria possiamo citare Davide D'Angelo, atleta marchigiano, già tre vittorie per lui e diversi piazzamenti al recente giro dell'Abruzzo. C'è inoltre il fiorentino Massimo Pirrera: per lui di recente una vittoria a San Secondo Parmense; il russo Alexander Filippov, primo domenica 29 aprile a Campi Bisenzio (Toscana). L'inglese Ben Greenwood, in forza a una squadra toscana, potrebbe essere uno dei probabili vincitori: per lui tanti piazzamenti in gare di prestigio ma ancora mai sul gradino più alto del podio; lo stesso dicasi per Dario Julian Atehortua: dal suo palmares stagionale deduciamo che è alla ricerca della zampata finale. Anche l'ucraino Alexander Surutkovych o il compagno di squadra Fabio Taborre, entrambi di un'équipe abruzzese, potrebbero far propria questa gara.
©2002-2019 Museo del Ciclismo Associazione Culturale ONLUS - C.F.94259220484 - info@museociclismo.it - Tutti i diritti riservati

I dati inseriti in archivio sono il risultato di una ricerca bibliografica e storiografica di Paolo Mannini (curatore dell'Archivio). Le fonti utilizzate sono svariate (giornali, libri, enciclopedie, siti internet, archivi digitali e frequentazioni sui vari Forum inerenti il ciclismo). Chiunque desideri contribuire alla raccolta dei dati, aggiunta di materiale da pubblicare o alla correzione di errori può farlo mettendosi in contatto con Paolo Mannini o con la Redazione.