Storia di Ezio Del Rosso

Ezio Del Rosso, classe 1880, è stato un pistard di gran classe e buon stradista degli anni pionieristici (fine '800- inizio '900) del ciclismo e soprattutto montecatinese purosangue, al quale è stata intitolata la gara organizzata dal Gs Le Casette che si corre dal 1952. Le cronache segnalano il nome di Ezio Del Rosso per la prima volta il 13 settembre 1896, quando - da dilettante di seconda categoria - si schierò alla partenza della gara su strada con partenza da Firenze (il via ufficiale fu dato dalla Fortezza da Basso) e arrivo finale a Montecatini, che vinse con il tempo di un'ora e 35 minuti. Altro successo curioso e sempre da stradista per Del Rosso il 20 settembre del 1899, sul traguardo della "classica" casalinga da Montecatini a Pistoia. Negli anni successivi Del Rosso passò professionista e si dedicò quasi interamente alla pista, a quei tempi foriera di ottimi guadagni per i ciclisti. Dopo una trionfale tournée negli Stati Uniti, il campione montecatinese (che nella sua lunga carriera indossò anche la gloriosa maglia del Club ciclistico Montecatini) risultò tra i protagonisti assoluti delle corse su pista nazionali, nelle quali venne tuttavia spesso battuto dalla sua "bestia nera", lo smaliziato pistard franco-veneto Angelo Gardellin, pluricampione italiano e specialista dei velodromi quasi imbattibile. Nel 1905 Del Rosso fece parte della squadra italiana ai mondiali su pista di Anversa, ma venne eliminato nei recuperi della prima fase.
©2002-2019 Museo del Ciclismo Associazione Culturale ONLUS - C.F.94259220484 - info@museociclismo.it - Tutti i diritti riservati

I dati inseriti in archivio sono il risultato di una ricerca bibliografica e storiografica di Paolo Mannini (curatore dell'Archivio). Le fonti utilizzate sono svariate (giornali, libri, enciclopedie, siti internet, archivi digitali e frequentazioni sui vari Forum inerenti il ciclismo). Chiunque desideri contribuire alla raccolta dei dati, aggiunta di materiale da pubblicare o alla correzione di errori può farlo mettendosi in contatto con Paolo Mannini o con la Redazione.