2 giugno 2008 - G.P. Berco - Città di Copparo

Tra il 1949 e il 1954 il Gran Premio Berco è stata una delle manifestazioni più importanti in fatto di ciclismo dilettantistico. In quegli anni del dopoguerra è stato sostenuto proprio dalle Officine Meccaniche Bertoni e Cotti di Copparo e patrocinato dal quotidiano sportivo nazionale "Stadio". Un evento incredibile ed unico, spentosi dopo sei anni in modo incomprensibile con la vittoria del grande ciclista di Iolanda di Savoia, Vincenzo Zucconelli, medaglia d'argento alle Olimpiadi di Helsinki nell'inseguimento a squadre e passista eccellente. La tradizione è ripresa 45 anni più tardi, nel 1999, quando l'ex presidente del Ciclo Sport Copparo-Millo, Albino Marussi, ed il suo vice Roberto Modonesi decisero di riportarlo alla luce col supporto della grande azienda cittadina. Dal '50 però le cose erano cambiate, ma non la mentalità degli organizzatori, che proposero la manifestazione alle categorie nazionali dilettanti Elite e Under 23.
E nell'edizione 2008, fissata per il prossimo 2 giugno, l'Associazione ciclistica copparese festeggia il decennale da quella rinascita. Se nel 1999 la corsa si teneva all'interno di un percorso cittadino di 6600 metri da ripetere 28 volte per totali 145 chilometri, dal 2006 quel percorso, forse un pò noioso, è stato rivisto. Coinvolgendo i sei comuni del mandamento, il tracciato parte da Copparo, attraversa le piazze delle altre sei cittadine e ritorna sempre in paese per quel circuito da percorrere sei volte. Complessivamente i ciclisti saranno impegnati su 147 chilometri. L'itinerario della corsa transiterà dalla partenza vicino alla stazione di Copparo, per Ro, Berra, Serravalle attraversando le strade arginali del fiume Po, Iolanda e le sue zone a coltivazione di riso e della Bonifica Ferrarese, Tresigallo, Formignana e ritorno.
L'ultimo ad affermarsi a Copparo è stato lo scorso anno Matteo Buratto, della Coppi Gazzetta, ad una media di quasi 44 orari. La novità di quest'anno è la collaborazione sorta col gruppo ciclistico del Circolo Dipendenti Berco. Nello stesso giorno vi sarà il loro tradizionale cicloraduno. I corridori, circa 250-300, saranno quindi impegnati in mattinata sul medesimo percorso dei dilettanti, aprendo così la giornata di festa ciclistica.
La gara partirà dunque alle 14. Nel "tempo morto" che si verrà a creare tra la partenza davanti alla stazione ed il ritorno in paese, ovvero un lasso di due ore, lo staff del Ciclo Sport Copparo-Millo ha pensato d'intrattenere il pubblico con l'esibizione dei giovani del Gruppo Pattinatori Estensi del tecnico Silvagni. I piccoli atleti saranno impegnati in gare di velocità e agilità.
Tra le squadre iscritte spiccano la Zalf e la Trevigiani di Treviso, la friulana Basso Piave, la rodigina Mantovani, che possiede un ciclista interessantissimo come Michele Merlo, e l'unica ferrarese ovvero la Ceramiche RB di Masi Torello diretta da Tani.
©2002-2019 Museo del Ciclismo Associazione Culturale ONLUS - C.F.94259220484 - info@museociclismo.it - Tutti i diritti riservati

I dati inseriti in archivio sono il risultato di una ricerca bibliografica e storiografica di Paolo Mannini (curatore dell'Archivio). Le fonti utilizzate sono svariate (giornali, libri, enciclopedie, siti internet, archivi digitali e frequentazioni sui vari Forum inerenti il ciclismo). Chiunque desideri contribuire alla raccolta dei dati, aggiunta di materiale da pubblicare o alla correzione di errori può farlo mettendosi in contatto con Paolo Mannini o con la Redazione.