5 luglio 2012 - Trofeo Antonietto Rancilio

103 partenti, su 107 iscritti, si sono radunati presso la sede della Rancilio Group a Parabiago, per muoversi poi alla volta del nuovissimo circuito disegnato nelle strade del centro città (circuito di 4,4 km da ripetere 25 volte).
Alle 20 lo start viene dato dalla Famiglia Rancilio e dal presidente del GS Rancilio, Mario Bonissi, e subito i corridori partono a testa bassa: i primi 5 giri sono percorsi a quasi 60 km/h. I primi tentativi hanno vita breve, poi riescono a prendere il largo in quattro: Mattia Viganò, Michele Foppoli, Andrea Arienti e Mikhail Zaffaina. Per i battistrada 30" di vantaggio massimo e dopo 4 giri in avanscoperta il gruppo rinviene e si ricompatta proprio allo scadere della prima ora di corsa, condotta a 55 km/h di media. Nella seconda parte di gara la velocità cala leggermente ed è Nicola Gaffurini che evade, conducendo in solitudine per 3 giri. Poi dal gruppo esce tutto solo, all'inseguimento del battistrada, Paul Martino Paganini, che si ricongiunge al battistrada. I due viaggiano in ottimo accordo con il vantaggio che si stabilizza sui 15"/20", ma il gruppo non li perde d'occhio e difatti nell'ultimo giro, trainato dal Team Idea al completo, si rifà sotto e annulla la fuga. A questo punto la Colpack manda all'attacco Paolo Colonna e obbliga alla reazione il Team Idea, che sacrifica Kabir Lenzi per l'inseguimento e traina Benfatto sino ai 250 metri. Ai 150 metri Ruffoni mette il turbo e salta tutti, vincendo a braccia alzate e conquista così la sesta vittoria stagionale.
©2002-2019 Museo del Ciclismo Associazione Culturale ONLUS - C.F.94259220484 - info@museociclismo.it - Tutti i diritti riservati

I dati inseriti in archivio sono il risultato di una ricerca bibliografica e storiografica di Paolo Mannini (curatore dell'Archivio). Le fonti utilizzate sono svariate (giornali, libri, enciclopedie, siti internet, archivi digitali e frequentazioni sui vari Forum inerenti il ciclismo). Chiunque desideri contribuire alla raccolta dei dati, aggiunta di materiale da pubblicare o alla correzione di errori può farlo mettendosi in contatto con Paolo Mannini o con la Redazione.