25 aprile 1959 - G.P. della Liberazione

In data 25 aprile si disputa, con partenza e arrivo al Viale Lazio, la quattordicesima edizione del Gran Premio della Liberazione, organizzato dall'AS Monti, valido come secondo Trofeo Limonappia e sotto il patrocinio dall'Unità. La corsa è riservata ai dilettanti di prima e seconda categoria dell'UVI e degli Enti. Si tratta di una competizione di grande rilievo che già nelle precedenti edizioni ha riscosso un notevole successo agonistico e spettacolare. Il pronostico è tutto orientato sui sei corridori della nazionale italiana del CT Proietti. Sulle spalle di Livio Trapè, Venturelli, Zorzi, Bampi, Tonucci e Giaggioli, grava quindi il peso del pronostico di questa corsa che nell'ultima edizione ha visto la vittoria di Remo Tamagni. In particolare sono molto attesi Trapè e Venturelli che potrebbero trovare il loro trampolino di lancio sulla salita dei Cimini, anche se un po' troppo distante dall'arrivo. Comunque potrebbe nascere una fuga di un gruppetto che potrebbe arrivare al traguardo. Il percorso non è dei più lunghi (158 chilometri) e, pertanto, poco peso avranno le doti di fondo degli azzurri che dovranno dare battaglia fin dall'inizio per poter scrollarsi di dosso il gruppo dal quale potrebbero emergere altri corridori come Ippoliti, Petrosemolo, Brigliadori, Brugnami e Stefanelli. L'appuntamento è fissato per le 7 al viale Lazio all'altezza dell'ex Campo Lazzaroni; la partenza verrà data alle ore 8 precise dalla stessa località. Il percorso si snoda lungo via Flaminia, piazzale Tuscania, via Cassia, La Storta, Monterosi, Sutri, Capranica, Vetralla, Viterbo, Monti Cimini, Ronciglione, Monterosi, via Cassia, Vallelunga, Campagnano, Sacrofano, Prima Porta, via Flaminia, viale Lazio, dove l'arrivo è previsto per le ore 12.15 circa.
©2002-2019 Museo del Ciclismo Associazione Culturale ONLUS - C.F.94259220484 - info@museociclismo.it - Tutti i diritti riservati

I dati inseriti in archivio sono il risultato di una ricerca bibliografica e storiografica di Paolo Mannini (curatore dell'Archivio). Le fonti utilizzate sono svariate (giornali, libri, enciclopedie, siti internet, archivi digitali e frequentazioni sui vari Forum inerenti il ciclismo). Chiunque desideri contribuire alla raccolta dei dati, aggiunta di materiale da pubblicare o alla correzione di errori può farlo mettendosi in contatto con Paolo Mannini o con la Redazione.