1 maggio 2008 - Targa d'Oro Città di Legnano

La prestigiosa corsa legnanese ha ricevuto l'adesione di 153 corridori che scattano dalla Città del Carroccio alle 11, starter i familiari di Mirko Ciapparelli con la presenza dell'Assessore allo Sport del Comune di Legnano, Renzo Brignoli e del presidente del Comitato Organizzatore della Coppa Bernocchi, Angelo Mascheroni.
Il percorso della gara ricalca fedelmente quello del GP Banca di Legnano-Coppa Bernocchi variando solamente nel chilometraggio che è rapportato ai regolamenti tecnici della categoria dei dilettanti Elite Under 23; primi chilometri dunque totalmente pianeggianti attraverso alcuni centri dell'Altomilanese prima di puntare verso la Valle Olona dove si svolge metà corsa imperniata sui quattro giri del circuito col GPM del Piccolo Stelvio dove è Luca Gasparini, (Pagnoncelli), vincitore domenica scorsa del Trofeo Schiatti a Monza, ad accendere le micce con la collaborazione di Lopez, (Pragma-Basso Sebino) e l'ex campione del mondo ciclocross juniores, Davide Malacarne (Neri-Lucchini-Nuova Comauto). Poi è un susseguirsi di scaramucce col gruppo sempre a breve distanza dagli attaccanti di turno, mentre nelle retrovie, ad ogni scalata del "Piccolo Stelvio", è un susseguirsi di ritiri. Intanto Gasparini continua nel ruolo di attaccante trovando ancora la collaborazione di Lopez e dell'ukraino Pakhtusov che aiuta il suo compagno di squadra, il veronese Gasparini, ad imporsi nella classifica finale del GPM, dedicato alla memoria dell'Olimpionico di Roma 60, Ottavio Cogliati, recentemente scomparso. Subito dopo l'ultimo passaggio sul GPM del Piccolo Stelvio, (Gasparini, Malacarne, e Di Leo nell'ordine), la corsa riprende il cammino verso Legnano con un quintetto al comando: Fabio Negri (Mapooro Named-Team Aurora), Cristian Benenati (Neri-Lucchini-Nuova Comauto), Rudy Saccon (Velò Veneto-Team Tata) e il tandem della Pagnoncelli-Ngc-Perrel, Federico Rocchetti e Anatoliy Pakhtusov che raggiungono un vantaggio massimo di circa 1' quando irrompono nel territorio di Legnano per gli spettacolari tre giri finali tutti in centro città dove gli inseguitori rosicchiano chilometro dopo chilometro tutto il vantaggio dei fuggitivi raggiungendoli proprio sulla dirittura d'arrivo quando mancano meno di 300 metri al traguardo. La volata finale lancia nettamente gli inseguitori verso un regolamento di conti tra di loro non riuscendo nell'intento perché Rocchetti resiste alla loro rimonta ottenendo il fantastico doppio risultato di vincere la sua prima corsa da quando è dilettante e conquistare la maglia di campione regionale lombardo U/23. Secondo è Tomaselli Paolo, campione regionale Lombardia elite, terzo Fognini Fausto.
©2002-2019 Museo del Ciclismo Associazione Culturale ONLUS - C.F.94259220484 - info@museociclismo.it - Tutti i diritti riservati

I dati inseriti in archivio sono il risultato di una ricerca bibliografica e storiografica di Paolo Mannini (curatore dell'Archivio). Le fonti utilizzate sono svariate (giornali, libri, enciclopedie, siti internet, archivi digitali e frequentazioni sui vari Forum inerenti il ciclismo). Chiunque desideri contribuire alla raccolta dei dati, aggiunta di materiale da pubblicare o alla correzione di errori può farlo mettendosi in contatto con Paolo Mannini o con la Redazione.