1 maggio 2004 - G.P. Industria & Artigianato - Larciano

Il via ufficiale è stato dato alle 10.30, al via 92 corridori in rappresentanza di 13 formazioni. Al primo chilometro subito lo scatto di Boglia del Team LPR. Il gruppo lascia fare e in due chilometri in località Larciano il suo vantaggio è già di 1'06". Il vantaggio continua a crescere raggiungendo al chilometro 42 ben 9'25". La media della prima ora di corsa è di 39,400 Km/h. A Serravalle (km 40) prova ad evadere Bosisio della Tenax che viene ripreso dopo circa un chilometro. Riescono invece ad evadere dal plotone Podgornik (Tenax) ed Andreacci (Formaggi Pinzolo Fiavè). Al primo passaggio sul traguardo di Larciano transita primo Boglia della LPR a 8'19" Podgornik ed Andreacci, il gruppo guidato dalla Lampre a 8'46". Sotto la spinta di Galletti e Secchiari entrambi della Domina il gruppo raggiunge i due inseguitori, dapprima Podgornik vittima di una foratura e successivamente Andreacci (km 60). Al GPM primo Boglia, mentre il gruppo, sempre guidato da Galletti e Secchiari, scollina a 6'38". Al chilometro 73 in località Vinci il vantaggio è risalito a 7'14". Al secondo passaggio sul traguardo di Larciano il battistrada ha 9'10" sul gruppo guidato dal Team LPR. A Lamporecchio all'inizio della salita il vantaggio del fuggitivo è aumentato a 9'35". Al chilometro 112 in località Vinci il vantaggio di Boglia è di 7'15", mentre il gruppo è ora guidato dagli uomini della Tenax. Al chilometro 118 il vantaggio è calato a 5'40". Il plotone guidato dalla Tenax in 28 Km ha rosicchiato a Massimo Boglia 5'. Al terzo passaggio da Larciano, in testa sempre Marco Boglia, il gruppo transita a 3'10". Ad inizio salita in località Lamporecchio il vantaggio è calato a 2'32". Al chilometro 140 il fuggitivo viene ripreso e staccato da Andrea Tonti della Saeco che diventa nuovo leader di corsa. Andrea Tonti transita primo al GPM con 20" di vantaggio sulla prima parte di gruppo guidato da Felipe Laverde della Formaggi Pinzolo Fiavè. Al chilometro 145 in fuga c'è sempre Tonti, ad inseguire gli uomini della Vini-Caldirola, mentre il gruppo è ritornato compatto. All'uscita di Vinci (km 154) il vantaggio di Tonti è di 22". Al chilometro 157 di corsa il gruppo torna compatto. Il gruppo procede a scatti e controscatti e, vista la forte andatura, nessuno riesce a guadagnare terreno. Al chilometro 163 si avvantaggiano 8 corridori: Fuentes (Saeco), Borrajo (Panaria), Aggiano (LPR), Palumbo (Acqua & Sapone), Vanotti (De Nardi), Cortinovis (Lampre), Ongarato (Fassa) ed Andriotto (Vini Caldirola). Il gruppo è guidato da Panaria e Lampre. A Stabbia (km 166) il vantaggio è di 12". Al 175 chilometro attacca Fuentes che raggiunge un vantaggio massimo di 8" sugli immediati inseguitori e viene ripreso al chilometro 177. Al chilometro 178 ci prova Gilberto Simoni, al suo inseguimento Bertagnolli, Cunego, Figueras, Jones, Nocentini, Mason e Laverde. Sull'ultimo passaggio al San Baronto perdono contatto dal gruppo inseguitore Jones e Mason; transita primo Simoni, a 16" 5 uomini, a 26'' il gruppo Astarloa che comprende, oltre al Campione del Mondo, Mazzanti, Gentili, Jones, Wegelius, Borghi, Scotto D'Abusco, Righi, Cox, Kennemeyer e Cappè. Al chilometro 191 in località Vinci quando mancano 9 chilometri all'arrivo si riporta sul gruppetto di testa Righi (Lampre). Al chilometro 192 il gruppo ritorna compatto e ci prova Astarloa seguito da Cunego, nel gruppo gran lavoro di Mazzanti che richiude il gap, ci prova anche Borghi ma non riesce a guadagnare terreno. Al chilometro 198 il gruppo è compatto, la volata parte lunghissima e ai 300 metri è Astarloa in testa, sembra resistere, ma con uno scatto micidiale è Damiano Cunego che si impone ottenendo la quinta vittoria stagionale.
©2002-2019 Museo del Ciclismo Associazione Culturale ONLUS - C.F.94259220484 - info@museociclismo.it - Tutti i diritti riservati

I dati inseriti in archivio sono il risultato di una ricerca bibliografica e storiografica di Paolo Mannini (curatore dell'Archivio). Le fonti utilizzate sono svariate (giornali, libri, enciclopedie, siti internet, archivi digitali e frequentazioni sui vari Forum inerenti il ciclismo). Chiunque desideri contribuire alla raccolta dei dati, aggiunta di materiale da pubblicare o alla correzione di errori può farlo mettendosi in contatto con Paolo Mannini o con la Redazione.