13 ottobre 2007 - Giro dell'Emilia

La 90° edizione del Giro dell'Emilia - Granarolo prende il via alle ore 11.00 da Formigine, località che ha accolto con grande calore la carovana dei partecipanti. L'avvio di corsa è velocissimo (la media della prima ora di gara è stata di 43,900 km/h), è già al km 3 Stefano Boggia (Ceramica Flaminia) è protagonista della prima fuga della giornata. Al Km 25, lo svizzero Gregory Rast riprende il fuggitivo e insieme raggiungono un vantaggio massimo di 13'50" dopo 59 km di gara. Boggia cede al km 107 mentre Rast rimane al comando in solitudine fino all'ingresso di Bologna, poco prima dell'inizio del circuito finale che prevede cinque ascese a San Luca.
Ai piedi della prima ascesa del San Luca, l'ex Campione Elvetico 2004 e 2006 viene ripreso dal gruppo dei migliori che affronta compatto le prime tornate del circuito finale, fino a quando, a undici chilometri dal termine, al comando si forma un drappello di 11 unità: Davide Rebellin (Gerolsteiner), Damiano Cunego e Sylvester Szmyd (Lampre - Fondital), Cristopher Horner e Cadel Evans (Predictor - Lotto), Riccardo Riccò (Saunier Duval - Prodir), Frank Schleck, Alexander Kolobnev e Carlos Sastre (Team CSC), Luca Mazzanti (Ceramica Panaria - Navigare) e Giairo Ermeti (Tenax). Tra i battistrada Davide Rebellin tenta più volte la soluzione di forza riuscendo nel proprio intento a poco più di un chilometro dalla conclusione. Sull'azzurro si porta prontamente Frank Schelck che prevale a braccia alzate nello sprint a due. In terza posizione si classifica lo statunitense Cristopher Horner.
©2002-2019 Museo del Ciclismo Associazione Culturale ONLUS - C.F.94259220484 - info@museociclismo.it - Tutti i diritti riservati

I dati inseriti in archivio sono il risultato di una ricerca bibliografica e storiografica di Paolo Mannini (curatore dell'Archivio). Le fonti utilizzate sono svariate (giornali, libri, enciclopedie, siti internet, archivi digitali e frequentazioni sui vari Forum inerenti il ciclismo). Chiunque desideri contribuire alla raccolta dei dati, aggiunta di materiale da pubblicare o alla correzione di errori può farlo mettendosi in contatto con Paolo Mannini o con la Redazione.