G.P. Nobili Rubinetterie

Tra le classiche nazionalil è una delle più giovani e per questo è la competizione a cui si guarda con maggiore curiosità. Nato nel 1997, il Gp Nobili Rubinetterie ha visto crescere il proprio valore nel panorama ciclistico internazionale grazie allo scenario in cui si svolge e alla cura organizzativa dell'AC Arona. La prima edizione si è disputata a Suno (No) ed ha assegnato il titolo italiano della cronometro con la vittoria di Dario Andriotto. Poi, dopo non essere stata disputata nel 1988, la corsa ha avuto la naturale collocazione ad Arona con un temporaneo trasferimento a Borgomanero (No) prima di tornare sulla riva piemontese del lago Maggiore. Nel '99 Arona ha ospitato il campionato italiano professionisti, vinto da Salvatore Commesso. Dal '99 in poi è stato un susseguirsi di emozioni fino alla doppia gioia di Damiano Cunego, primo nel 2004 e nel 2005 e al trionfo del piemontese Longo Borghini nel 2006. La prova, inutile negarlo, ha sofferto, come molte altre, della nascita del ProTour, ma l'AC Arona ogni anno lavora duramente per avere al via le formazioni più forti in campo europeo e soprattutto i campioni più amati dagli sportivi italiani che, da tradizione, accorrono in decine di migliaia sullo spettacolare percorso del San Carlone. Nel biennio 2010-2011 si sono svolte due corse distinte del Gp Nobili Rubinetterie, una valida come Coppa Papà Carlo e l'altra come Coppa Città di Stresa.
©2002-2019 Museo del Ciclismo Associazione Culturale ONLUS - C.F.94259220484 - info@museociclismo.it - Tutti i diritti riservati

I dati inseriti in archivio sono il risultato di una ricerca bibliografica e storiografica di Paolo Mannini (curatore dell'Archivio). Le fonti utilizzate sono svariate (giornali, libri, enciclopedie, siti internet, archivi digitali e frequentazioni sui vari Forum inerenti il ciclismo). Chiunque desideri contribuire alla raccolta dei dati, aggiunta di materiale da pubblicare o alla correzione di errori può farlo mettendosi in contatto con Paolo Mannini o con la Redazione.