Coppa Valle del Metauro

Nel lontano 1926 nacque a Saltara (Marche) la Coppa Valle del Metauro. Questa corsa in breve acquisì una solida fama anche al di là dei confini provinciali e regionali. Seguirono così bellissime edizioni, con vittorie di grandi campioni come Attilio Serra nel 1927 e Enrico Eboli nel 1928. La fama della corsa accrebbe notevolmente con la preolimpica del 1933 che fece definitivamente entrare Saltara nell'aristocrazia delle corse nazionali.
Il circuito di Saltara, secondo quanto riferisce anche un giornale dell'epoca, era bellissimo ed era valutato da tutti come uno dei migliori e le corse vi risultavano sempre molto aspre e dure. Soprattutto si rivelava arduo e impegnativo il tratto di salita, per tanti anni strada bianca, da Saltara alla Pieve dei Cartoceto, dove i corridori scollinavano per lanciarsi poi in picchiata nella ripidissima discesa verso Lucrezia. Le gare ciclistiche ripresero nel secondo dopoguerra precisamente nel 1947, 1948, 1949, 1950. Quest'ultima gara fu indetta dalla Gazzetta dello Sport e per quella occasione venne a Saltara un campionissimo dell'anteguerra Costante Girardengo.
Nel 1952 la Coppa Valle del Metauro fu valevole per il Campionato regionale Dilettanti. Dopo queste prime gare del dopoguerra, il circuito di Saltara ebbe un periodo di vero splendore con le edizioni del 1953 e 1955 che furono di chiara rilevanza nazionale.
In queste gare emerse Bruno Monti il forte corridore laziale che ai quei tempi era l'idolo dei tifosi romani. Quando in quegli anni c'era la corsa, a Saltara, era una gran festa per tutto il paese, che si animava fin dalla sera prima, quando arrivavano i corridori più lontani, di solito i più bravi e i principali protagonisti della corsa. Per passare la notte i corridori venivano ospitati dalle varie famiglie saltaresi.
La consacrazione definitiva arriva negli ultimi decenni nel corso dei quali Saltara ha ospitato una serie incredibile di prove valide per l'assegnazione della maglia tricolore di campione d'Italia. Tra queste spiccano gli assoluti del 2003 che hanno visto il trionfo di Paolo Bettini, seguito a ruota da Pippo Pozzato.
©2002-2019 Museo del Ciclismo Associazione Culturale ONLUS - C.F.94259220484 - info@museociclismo.it - Tutti i diritti riservati

I dati inseriti in archivio sono il risultato di una ricerca bibliografica e storiografica di Paolo Mannini (curatore dell'Archivio). Le fonti utilizzate sono svariate (giornali, libri, enciclopedie, siti internet, archivi digitali e frequentazioni sui vari Forum inerenti il ciclismo). Chiunque desideri contribuire alla raccolta dei dati, aggiunta di materiale da pubblicare o alla correzione di errori può farlo mettendosi in contatto con Paolo Mannini o con la Redazione.