G.P. Comune di Borgomanero

Il ciclismo alimenta la passione con la propria tradizione. Così l'ultima nata in casa Arona ripropone l'esercizio della cronometro a coppie come un tempo, non tanto lontano, avveniva con il trofeo Baracchi. Quello della cronocoppie è un esercizio tecnico, che richiede risorse importanti e sincronismo con il proprio compagno di azione, in grado di esaltare le doti atletiche dei protagonisti.
La gara si svolge a Borgomanero (NO) che in passato ha già avuto frequentazioni con le gare contro il tempo. Fino a pochi anni fa qui si svolgeva un'interessantissima cronometro con coppie formate da un professionista e un cicloamatore; pensate all'attesa che c'era! Adesso si offre un'opportunità importante agli specialisti con una competizione che guarda al passato ma si proietta nel futuro delle migliori gare del Continente, con un progetto molto ambizioso.
La gara assegna la Coppa Lella Mentasti, una donna rapita alla Vita in età ancora giovanile, che il dott. Giovanni La Croce intende ricordare proprio dal sellino della bicicletta: "Era proprio mia moglie a suscitare in me la passione per il ciclismo - ha dichiarato alla vigilia della prima edizione - con questa gara Lella sarà sempre con noi". La cronocoppie di Borgomanero nel 2006 è iscritta nel calendario Europe Tour, vedrà la partecipazione di diverse coppie straniere e si proporrà come ultima classica specialistica internazionale della stagione.

http://www.ciclistica-arona.it/default.asp?menu=3&language=IT&idn=2
©2002-2019 Museo del Ciclismo Associazione Culturale ONLUS - C.F.94259220484 - info@museociclismo.it - Tutti i diritti riservati

I dati inseriti in archivio sono il risultato di una ricerca bibliografica e storiografica di Paolo Mannini (curatore dell'Archivio). Le fonti utilizzate sono svariate (giornali, libri, enciclopedie, siti internet, archivi digitali e frequentazioni sui vari Forum inerenti il ciclismo). Chiunque desideri contribuire alla raccolta dei dati, aggiunta di materiale da pubblicare o alla correzione di errori può farlo mettendosi in contatto con Paolo Mannini o con la Redazione.