Storia di Carlo Chiappano

Il ciclismo lo ricorda come promettente dilettante, bravissimo gregario e ottimo direttore sportivo. Dopo 49 affermazioni fra i minori, era passato professionista con la Legnano, indossando successivamente le maglie della Sanson, della Salvarani, ancora della Sanson, della Molteni e della Scic. Gregario di stampo antico aveva saputo meritarsi la stima dell'ambiente più che per le vittorie nella tappa di Villars del Giro della Svizzera '66, nella Tirreno-Adriatico del '69 e nella tappa di Matese sempre nel '69, per la bravura e la sagacia con la quale aveva saputo servire tanti capitani. Per tutti valga l'aiuto dato a Michele Dancelli nel successo che nel '70 riportò alla ribalta un italiano alla Sanremo. Azzurro nei Tour '67 e '68 indossò la maglia rosa al Giro '69. Poi da direttore sportivo ebbe il merito di guidare nella Scic Paolini, Baronchelli e soprattutto Giuseppe Saronni, cresciuto con lui dal '77 a quel tragico giorno dell'82 quando perì in un incidente stradale, nemmeno due mesi prima che il suo pupillo si laureasse campione del mondo a Goodwood.
©2002-2019 Museo del Ciclismo Associazione Culturale ONLUS - C.F.94259220484 - info@museociclismo.it - Tutti i diritti riservati

I dati inseriti in archivio sono il risultato di una ricerca bibliografica e storiografica di Paolo Mannini (curatore dell'Archivio). Le fonti utilizzate sono svariate (giornali, libri, enciclopedie, siti internet, archivi digitali e frequentazioni sui vari Forum inerenti il ciclismo). Chiunque desideri contribuire alla raccolta dei dati, aggiunta di materiale da pubblicare o alla correzione di errori può farlo mettendosi in contatto con Paolo Mannini o con la Redazione.