G.P. Industria Commercio e Artigianato Carnaghese

Nasce nel 1972 come gara per allievi, nel '73 e '74 viene disputato come prova per juniores e dal 1975 entra nell'elite del dilettantismo come prova per dilettanti di prima e seconda serie. Col passare delle edizioni, sia per le capacita' organizzative e la serieta' della S.C. Carnaghese, sia per le dotazioni di premi, assume sempre piu' importanza in campo nazionale iscrivendo nell'albo d'oro corridori che hanno poi fatto la storia del ciclismo professionistico degli anni '80/'90.
Dal 1991 diventa corsa internazionale e miglior battesimo non poteva esserci con la vittoria in maglia iridata dell'allora campione del mondo Mirko Gualdi. Seguono cinque anni di belle edizioni con la partecipazione di molte nazionali straniere e dei migliori dilettanti italiani cimentatisi sul Circuito del Seprio, scelto nel '93 e '94 come indicativa per i mondiali dal C.T. Antonio Fusi. Dal 1996 diventa "open" con massiccia adesione di club professionistici e dei migliori team dilettantistici. Le "promesse" trovano nel Circuito del Seprio, tra i saliscendi dell'Olona e dell'Arno, la possibilita' di cimentarsi con i colleghi di categoria superiore e di mettere in evidenza le loro caratteristiche migliori per un passaggio al professionismo.
L'edizione 2005 è particolarmente importante in quanto la corsa, per la prima volta, è riservata ai soli team professionistici e inserita nel calendario professionistico continentale UCI Europe Tour in classe 1.
©2002-2019 Museo del Ciclismo Associazione Culturale ONLUS - C.F.94259220484 - info@museociclismo.it - Tutti i diritti riservati

I dati inseriti in archivio sono il risultato di una ricerca bibliografica e storiografica di Paolo Mannini (curatore dell'Archivio). Le fonti utilizzate sono svariate (giornali, libri, enciclopedie, siti internet, archivi digitali e frequentazioni sui vari Forum inerenti il ciclismo). Chiunque desideri contribuire alla raccolta dei dati, aggiunta di materiale da pubblicare o alla correzione di errori può farlo mettendosi in contatto con Paolo Mannini o con la Redazione.