28 agosto 1988 - World Championship - Renaix (BEL)

La corsa inizia con il simpatico gesto di Roche che getta al pubblico la sua maglia iridata rimettendola simbolicamente in palio. A Renaix la corsa è subito tiratissima senza però le solite fughe continue; la svolta si ha all'inizio del penultimo giro quando scatta Criquelion e sulla sua ruota si porta, con grande determinazione, Fondriest. Il giovane italiano è consapevole che dietro nel gruppo i compagni stanno lavorando per portare allo sprint Argentin o Bontempi ed è pronto a giocare un ruolo di gregario per favorire i due capitani all'inseguimento. Ma ormai il mondiale è segnato e Fondriest arriva all'ultimo chilometro in compagnia del belga Criquelion, grazie anche al prezioso lavoro di contenimento di Davide Cassani che a più riprese aveva tentano di fermare gli scatti di uno scatenato Fignon. Ma mentre i due pensano a come giocarsi lo sprint, ecco che si vedono raggiungere dal canadese Bauer che prende in contropiede sia loro che il gruppo alle spalle. Mancano poche centinaia di metri al traguardo, Fondriest è lucidissimo, controlla che da dietro non sopraggiunga nessun altro e si mette alle ruote del belga e del canadese che danno il via ad una lunghissima volata.
L'azzurro attende ancora perché sa che l'arrivo in leggera ascesa gli consente un recupero anche negli ultimi 100 metri. E' qui che la fortuna gli da una mano: Bauer, stremato dalla fatica, si appoggia a Criquelion che lo sta rimontando dall'interno. Il belga sbanda, sfiora le transenne, appoggia un piede a terra e cade. Fondriest ha già cominciato la sua rimonta e in un attimo sorpassa Bauer, in debito d'ossigeno, battendolo nettamente. Successivamente la giuria squalifica Bauer e così secondo arriva il francese Gayant che regola il gruppo attardato di mezzo minuto. Ad appena 23 anni e mezzo Maurizio Fondriest diventa il più giovane italiano ad indossare la maglia iridata.
©2002-2019 Museo del Ciclismo Associazione Culturale ONLUS - C.F.94259220484 - info@museociclismo.it - Tutti i diritti riservati

I dati inseriti in archivio sono il risultato di una ricerca bibliografica e storiografica di Paolo Mannini (curatore dell'Archivio). Le fonti utilizzate sono svariate (giornali, libri, enciclopedie, siti internet, archivi digitali e frequentazioni sui vari Forum inerenti il ciclismo). Chiunque desideri contribuire alla raccolta dei dati, aggiunta di materiale da pubblicare o alla correzione di errori può farlo mettendosi in contatto con Paolo Mannini o con la Redazione.