Storia di Nino Borsari

Ottimo passista, strepitoso tra i dilettanti quando conquistò la medaglia d'oro nell'inseguimento a squadre alle Olimpiadi di Los Angeles nel 1932 (con Cimatti, Ghilardi e Pedretti), non ebbe altrettanta fortuna tra i professionisti dove non riuscì mai ad emergere, limitandosi ad ottenere soltanto qualche piazzamento ed aggiudicandosi soltanto il circuito di Reggio Emilia nel 1935.
Gareggiò spesso anche su pista e nel dopoguerra, ormai ultra trentenne e trasferitosi in Australia, rientrò per breve tempo alle competizioni Italiane dove comunque non ottenne risultati di rilievo.
©2002-2019 Museo del Ciclismo Associazione Culturale ONLUS - C.F.94259220484 - info@museociclismo.it - Tutti i diritti riservati

I dati inseriti in archivio sono il risultato di una ricerca bibliografica e storiografica di Paolo Mannini (curatore dell'Archivio). Le fonti utilizzate sono svariate (giornali, libri, enciclopedie, siti internet, archivi digitali e frequentazioni sui vari Forum inerenti il ciclismo). Chiunque desideri contribuire alla raccolta dei dati, aggiunta di materiale da pubblicare o alla correzione di errori può farlo mettendosi in contatto con Paolo Mannini o con la Redazione.