1 giugno 1951 - Giro d'Italia

Tappa a cronometro di 24 chilometri che deve contribuire a chiarire l'enigma rosa, una sfida contro il tempo difficile, dove ci vuole ritmo e forza fisica lungo la rampa che conduce al Titano. La grande sorpresa di oggi si chiama Giancarlo Astrua, biellese di Graglia trapiantato a Torino, 24 anni in agosto, forte arrampicatore e splendido cronomen. La sua è una superba impresa, capace di rifilare 20" a Coppi, favorito della vigilia e di precedere in classifica, al termine della fatica, di 18" Fiorenzo Magni. Mai in dubbio la sua vittoria, dopo Coppi, Roma e Bobet a 40", quindi Kubler e Magni a 1' e 05" precedono Fornara, Koblet, il piccolo Bof ed Orfeo Ponsin, decimo e compagno di squadra del vincitore odierno; ultimo (81°) Frosini a 8' e 59".
Articolo inviato da: Giovanni Tarello (Borgo D'Ale (VC))
©2002-2019 Museo del Ciclismo Associazione Culturale ONLUS - C.F.94259220484 - info@museociclismo.it - Tutti i diritti riservati

I dati inseriti in archivio sono il risultato di una ricerca bibliografica e storiografica di Paolo Mannini (curatore dell'Archivio). Le fonti utilizzate sono svariate (giornali, libri, enciclopedie, siti internet, archivi digitali e frequentazioni sui vari Forum inerenti il ciclismo). Chiunque desideri contribuire alla raccolta dei dati, aggiunta di materiale da pubblicare o alla correzione di errori può farlo mettendosi in contatto con Paolo Mannini o con la Redazione.