Storia di Bruno Loatti

Nato nel 1915 a Castelbolognese è un pistard che, dedicatosi alla velocità pura, ottiene prestigiose affermazioni nazionali ed internazionali. Nei primi anni della carriera si dedica alle corse su strada e con i colori del V.S. Reno e U.C. Modenese ottiene diverse vittorie grazie al suo sprint guizzante. Poi comincia a frequentare assiduamente il Velodromo di Bologna dove il suo potente sprint finale attrae l'attenzione dei tecnici. Nel 1934 è Campione Italiano Velocitò allievi. Da dilettante partecipa come pistard alle Olimpiadi di Berlino (4° nel Tandem con Legutti) e ai Campionati del Mondo nel 1937 comportandosi egregiamente. Nel 1937 si reca a Parigi dove al Velodromo d'Inverno, opposto ai grandi campioni del dilettantismo mondiale, riesce comunque ad emergere. Nel 1938 ritornato in Italia si misura a più riprese con il campione del mondo Van der Vyer battendolo sempre con facilità. Vince il Campionato italiano della velocità e si presenta ai Campionati del Mondo come il netto favorito, ma è bersagliato dalla sfortuna e si deve accontentare del secondo posto. Passato professionista nel 1939 diventa Campione Italiano Velocita e ai mondiali è eliminato nei quarti. Allo scoppio della guerra si trasferisce in Argentina dove continua a mietere successi. Nel 1946 partecipa per la seconda volta ai Campionati del Mondo dove è eliminato ai recuperi. Successivamente alterna la strada alla pista per alcune stagioni ottenendo ancora un terzo posto nel Campionato Italiano Velocita del 1948.
©2002-2021 Museo del Ciclismo Associazione Culturale ONLUS - C.F.94259220484 - info@museociclismo.it - Tutti i diritti riservati

I dati inseriti in archivio sono il risultato di una ricerca bibliografica e storiografica di Paolo Mannini (curatore dell'Archivio). Le fonti utilizzate sono svariate (giornali, libri, enciclopedie, siti internet, archivi digitali e frequentazioni sui vari Forum inerenti il ciclismo). Chiunque desideri contribuire alla raccolta dei dati, aggiunta di materiale da pubblicare o alla correzione di errori può farlo mettendosi in contatto con Paolo Mannini o con la Redazione.