25 agosto 2007 - Circuito di Tuoro

E' una corsa dal fascino tutto particolare che conserva intatte le caratteristiche di festa popolare con un percorso unico e suggestivo lungo le stradine di Tuoro, S. Barbara, Staturano, Casolla e Garzano con lo strappo di S. Lucia da sempre trampolino di lancio per il vincitore. Una volta erano strade polverose e pieni di sassi, solo un piccolo varco per il passaggio dei corridori tra migliaia di tifosi e appassionati; tanti aneddoti legati alla corsa, piccoli drammi tra i corridori appiedati da continue forature, episodi simpatici e di folklore tra il pubblico alcuni dei quali raccontati da Mario Fiorino nel suo libro "Addio, Squadrismo" e da Lorenzo Brancaccio in "La dolce ala del chiaro di Luna".
E' il classico "circuito di Tuoro" - la corsa ciclistica che assieme alla Coppa Caivano è la più antica della Campania - la cui 74^ edizione, intitolata al ciclista locale Giuseppe Giampietro che si aggiudicò la prima edizione nel lontano 1921, si correrà sabato prossimo 25 agosto a Tuoro di Caserta riservata alla categoria juniores che nelle ultime tre edizioni ha portato una ventata di freschezza e di contenuti tecnici elevati trattandosi di corridori motivati e vogliosi di ottenere una vittoria di prestigio.
Organizza il Circolo Sportivo Dilettantistico Tuoro, presieduto da Orazio Ricciardi, che avrà come validi collaboratori Domenico Smarra, Vincenzo Martucci, Gaetano Sacco, Franco Sarnella, Pasquale Petrillo, Tommaso Iannucci, Giovanni Brancaccio, Giuseppe e Luigi Natale, Gennaro D'Amico e in pratica l'intera frazione in festa che farà da cornice ai circa 80 corridori delle migliori formazioni italiane.Oltre alla 74^ medaglia d'oro Giampietro saranno in palio il 10° Trofeo Pasquale Pontillo e il 16° trofeo Stefano D'Agostino.
Si parte alle 15 agli ordini dei direttori di corsa Antonio Giordano e Angelo Letizia, mossiere il presidente della Provincia On. Sandro De Franciscis da sempre vicino alla manifestazione e fino a due anni fa parte integrante dell' organizzazione con il delicato compito di "medico di gara".
Il percorso di 81 km. è quello classico: dieci giri per Tuoro, S. Barbara, Staturano, Casolla, Caserta, Tuoro, poi tre giri finali per fare selezione passando anche per il Parco Cerasole, Centurano, S. Lucia, S. Rosalia, Garzano e, quindi, Tuoro con l'arrivo in Via Cancello.
Il vincitore, che farà il giro del paese alla testa della locale banda musicale, iscriverà il suo nome nel prestigioso albo d'oro alle spalle del siciliano Cicciari che vinse l'anno scorso e nel quale compaiono ciclisti di valore passati poi al professionismo come il messicano Perez Cuapio, primo straniero a vincere la corsa, e il casertano Pasquale Di Monaco, tanto per citare il più recenti vincitori.
Albo d'oro recente: 1997 Apicella, 1998 Serri, 1999 Perez Cuapio (Messico), 2000 Nuritidinov (Uzbekistan), 2001 Pietrangelo, 2002 Di Monaco, 2003 Donati, 2004 Landolfo, 2006 Cicciari

http://www.casertanews.it/2007/08/22/art_20070822070931/j
©2002-2019 Museo del Ciclismo Associazione Culturale ONLUS - C.F.94259220484 - info@museociclismo.it - Tutti i diritti riservati

I dati inseriti in archivio sono il risultato di una ricerca bibliografica e storiografica di Paolo Mannini (curatore dell'Archivio). Le fonti utilizzate sono svariate (giornali, libri, enciclopedie, siti internet, archivi digitali e frequentazioni sui vari Forum inerenti il ciclismo). Chiunque desideri contribuire alla raccolta dei dati, aggiunta di materiale da pubblicare o alla correzione di errori può farlo mettendosi in contatto con Paolo Mannini o con la Redazione.