"Pensiero di Elvira" poesia dedicata da Carmine Donnola a Marco Pantani

PENSIERO DI ELVIRA

Giusto o non giusto
complotto o persecuzione
"all'omino" di ferro
tanta crudeltà si poteva evitare

Magico Pantani
dopo tante vittorie
ti hanno lasciato solo

Le ripide scalate
i grandi trionfi
sono stati messi da parte

In cima alla vetta
in un solo momento
nell'aspro pendio
la tua bici è caduta

A Madonna di Campiglio
forze oscure ti spinsero
nel labirinto degli enigmi

Marco sei stato umiliato per nulla
il 5 giugno provasti rabbia
frustrazione e vergogna

Nell'assoluto silenzio
come una rondine stanca
ti addentrasti in una valle profonda

Condottiero malinconico e triste
in punta di piedi
chiudesti la tua anima
in una stanza gremita di polvere

Quando Cesenatico ti pianse
il mare era calmo
l'asfalto era triste

Marco
se è vero che i miti
non muoiono mai
la grinta del gladiatore
la lealtà del grande campione
saranno per sempre cullate
dalle onde del mare

Carmine Donnola
©2002-2019 Museo del Ciclismo Associazione Culturale ONLUS - C.F.94259220484 - info@museociclismo.it - Tutti i diritti riservati

I dati inseriti in archivio sono il risultato di una ricerca bibliografica e storiografica di Paolo Mannini (curatore dell'Archivio). Le fonti utilizzate sono svariate (giornali, libri, enciclopedie, siti internet, archivi digitali e frequentazioni sui vari Forum inerenti il ciclismo). Chiunque desideri contribuire alla raccolta dei dati, aggiunta di materiale da pubblicare o alla correzione di errori può farlo mettendosi in contatto con Paolo Mannini o con la Redazione.